In data 12 giugno 2019, la Commissione Europea ha presentato la quinta Comunicazione sui preparativi per la Brexit[1]. Consapevole della situazione politica in cui il Regno Unito versa sul piano nazionale e dell’incertezza circa la ratifica dell’accordo di recesso concordato con il Governo britannico nel novembre 2018[2], la Commissione si prepara ad un’uscita senza accordo e, in vista…

Il Regno Unito e la Repubblica d’Irlanda hanno sottoscritto un Memorandum di Intesa volto a rafforzare ulteriormente i rapporti reciproci e a ribadire gli impegni in essere nell’ambito della cosiddetta zona di libero spostamento indipendentemente dalle condizioni che seguiranno l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Il 24 maggio 2019, la Premier britannica Theresa May ha annunciato le sue dimissioni, dichiarando che lascerà la guida del Partito conservatore il 7 giugno ed esprimendo rammarico per non aver potuto attuare la Brexit. L’annuncio è avvenuto a seguito dell’incontro con Sir Graham Brady, presidente del 1922 Committee of Conservative backbenchers (Comitato dei Conservatori senza incarico).

Ancora una volta la scadenza prevista per il definitivo divorzio del Regno Unito dall’Unione Europea è stata rinviata: il Consiglio Europeo, all’esito delle trattative tenutesi il 10 aprile scorso, ha infatti concesso al primo ministro britannico Theresa May un’ulteriore proroga – sino al 31 ottobre 2019 –  per convincere la House of Commons ad approvare l’Accordo di…

Ad esito del vertice del Consiglio Europeo del 10 aprile 2019, i leader europei hanno esteso la data di uscita del Regno Unito dall’Unione al 31 ottobre 2019. Anche il Regno Unito ha acconsentito alla proroga del termine, come illustrato nella lettera del Rappresentante Permanente del Regno Unito presso l’Unione Europea, Sir Tim Barrow, dell’11 aprile 2019.